Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Luigina Mortari. Aver cura di sé

In quello straordinario ri-pensamento della cultura classica, attorno al quale ruotò l'ultimo tratto della sua indagine filosofica, Michel Foucault così tematizzava l’interrogativo (e il lascito) più denso di quella stagione: “A che punto mi trovo in quanto soggetto etico di verità? In che misura, fin dove, fino a che punto sono effettivamente capace di essere identico come soggetto d'azione e soggetto di verità?”. Quella che prendeva forma, sotto lo sguardo del filosofo francese, era un'altra filosofia possibile: quella centrata sulla cura di sé, quel filosofare che si traduce immediatamente in bios, in scelta di vita, che scolpisce una stilistica dell'esistenza o per dirla, con le parole di Pierre Hadot, quel pensare che si sostanzia nella “trasformazione della maniera di essere e del modo di vivere”. Luigina Mortari – la filosofa che ha pensato, più a fondo e con maggiore finezza interpretativa, il pensiero della cura nel panorama filosofico contemporaneo – aggiunge…

Ultimi post

Springsteen on Broadway

La prima volta con Bruce

Il vangelo secondo Bruce Springsteen (Claudiana)

Emanuele Coccia - La vita delle piante

Alessandro Portelli. Bob Dylan, Pioggia e Veleno

Il profumo del tempo - Byung-Chul Han

Il segreto del figlio - Massimo Recalcati

La sapienza del cuore - Luigina Mortari

Presentazione "Il vangelo secondo Bruce Springsteen", Domenica 22 aprile Milano

Psicopolitica - Byung-Chul Han